Indice del forum
english for fun
Radio

Grammatica, esercizi, giochi, traduzione di brani letterari,materiale per esame di stato,

PortalPortale  blogBlog  AlbumAlbum  Gruppi utentiGruppi utenti  Lista degli utentiLista degli utenti  GBGuestbook  Pannello UtentePannello Utente  RegistratiRegistrati 
 FlashChatFlashChat  FAQFAQ  CercaCerca  Messaggi PrivatiMessaggi Privati  StatisticheStatistiche  LinksLinks  LoginLogin 
 CalendarioCalendario  DownloadsDownloads  Commenti karmaCommenti karma  TopListTopList  Topics recentiTopics recenti  Vota ForumVota Forum
   
 
Photobucket
 
Childe Harold's Pilgrimage (1812-1818)
Utenti che stanno guardando questo topic:0 Registrati,0 Nascosti e 0 Ospiti
Utenti registrati: Nessuno


 
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Literature 5^ : traduzioni e riassunti
PrecedenteInvia Email a un amico.Utenti che hanno visualizzato questo argomentoSalva questo topic come file txtVersione stampabileMessaggi PrivatiSuccessivo
Autore Messaggio
englishforfun

Site Admin






Registrato: 09/09/07 09:23
Messaggi: 1013
englishforfun is offline 






NULL
MessaggioInviato: Ven Gen 23, 19:57:16    Oggetto:  Childe Harold's Pilgrimage (1812-1818)
Descrizione: By Lord Byron
Rispondi citando

Childe Harold's Pilgrimage (1812-1818)

"The barred-up falcon" from Canto III


II

Once more upon the waters! yet once more!
And the waves bound beneath me as a steed
That knows his rider. Welcome to their roar!
Swift be their giudance, wheresoe'er it lead!
Though the strained mast should quiver as a reed,
And the rent canvass fluttering strew the gale,
Still must I on; for I am as a weed,
Flung from the rock on Ocean's foam, to sail
Where'er the surge may sweep, the tempest's breath prevail. [...]


XII

But soon he knew himself the most unfit
Of men to herd with Man, with whom he held
Little in common; untaught to submit
His thoughts to others, though his soul was quelled
In youth by his own thoughts; still uncompelled,
He would not yield dominion of his mind
To spirits against whom his own rebelled;
Proud though in desolation; which could find
A life within itself, to breathe without mankind.



XIII

Where rose the mountains, there to him were friends;
Where rolled the ocean, thereon was his home;
Where a blue sky, and glowing clime, extends,
He had the passion and the power to roam;
The desert, forest, cavern, breaker's foam,
Were unto him companionship; they spake
A mutual language, clearer than the tome
Of his land's tongue, which he would oft forsake
For Nature's pages glassed by sunbeams on the lake. [...]

XV

But in Man's dwellings he became a thing
Restless and worn, and stern and wearisome,
Drooped as a wild-born falcon with clipt wing,
To whom the boundless air alone were home:
Then came his fit again, which to o'ercome,
As eagerly the barred-up bird will beat
His breast and beak against his wiry dome
Till the blood tinge his plumage, so the heat
Of his impeded soul would through his bosom eat.

XVI

Self-exiled Harold wanders forth again,
With nought of hope left, but with less of gloom;
The very knowledge that he lived in vain,
That all was over on this side of the tomb,
Had made Despair a smilingness assume,
Which, though 'twere wild, - as on the plundered wreck
When mariners would madly meet their doom
With draughts intemperate on the sinking deck, -
Did yet inspire a cheer which he forbore to check.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(galleria foto)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!


Ultima modifica di englishforfun il Ven Gen 23, 19:59:26, modificato 1 volta in totale
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Spostato: Ven Gen 23, 19:58:14 da englishforfun
da Literature 5^ a Literature 5^ : traduzioni e riassunti
Adv



MessaggioInviato: Ven Gen 23, 19:57:16    Oggetto: Adv






Torna in cima
englishforfun

Site Admin






Registrato: 09/09/07 09:23
Messaggi: 1013
englishforfun is offline 






NULL
MessaggioInviato: Ven Gen 23, 19:59:02    Oggetto:  
Descrizione:
Rispondi citando

George Gordon, Lord Byron (1788-1824)

I pellegrinaggi del Giovane Aroldo (1812-1818)

"Il falco in gabbia" dal Canto III


Altrettanto autobiografico è il poema I pellegrinaggi del Giovane Aroldo, l'opera grazie alla quale il poeta, secondo una celebre battuta, “una mattina si svegliò per trovarsi celebre”. Proponiamo una sintesi di passaggi particolarmente significativi dove il personaggio di Aroldo lascia interamente il posto a Byron stesso in una unione tra arte e vita dove è la vita ad imitare l'arte e non viceversa. Immedesimandosi nelle proprie fantasie l'eroe si ritrova a celebrare la propria diversità, la propria vocazione allo sradicamento voluttuosamente goduta e orgogliosamente condivisa. Accanto a sé ricerca una natura che sappia interpretare, nella potenza della sua forza e della sua sublime bellezza, i moti eccezionali della propria sensibilità. Come un rapace con le ali spuntate e imprigionato in una squallida gabbia conosce il senso e l'inutilità della propria rivolta e tuttavia non vi rinuncia accogliendo la coscienza della sofferenza e della sconfitta che appartiene a tutti i seguaci del mito romantico. Esule volontario segue il proprio destino allontanandosi da una Patria che non può accettarlo verso approdi sicuramente ostili e per questo straordinariamente seducenti.

Strofa II

Ancora una volta sulle acque! Sì, ancora una volta! E le onde sotto di me come un
destriero che conosce il suo cavaliere. Sia benvenuto il loro tumulto! Veloce sia la loro guida,
ovunque essa conduca! Anche se l'albero maestro ritto dovesse oscillare come
una canna, e la vela squarciata sventolando coprire la tempesta, ancora devo
proseguire, perché sono come un'alga strappata dalla roccia, sulla schiuma
dell'Oceano, per navigare ovunque l'ondata possa spazzare, o l'alito della tempesta
prevalere. [...]

XII

Ma presto egli si riconobbe l'uomo meno adatto per unirsi al gregge degli uomini,
coi quali egli aveva poco in comune; non ammaestrato a sottomettere i propri
pensieri ad altri, benchè in gioventù la sua anima fosse oppressa dai propri
pensieri; ancora invitto, non voleva cedere, ad animi contro i quali il suo si
ribellava, il dominio della sua mente, orgogliosa nella solitudine, della sua mente
che poteva trovare in sè una vita per vivere al di fuori dell'umanità.

XIII

Dove sorgevano i monti, ivi erano amici per lui; ove gonfiava l'Oceano, là era
il suo focolare; ove si stendeva un cielo azzurro ed un ardente clima, egli aveva
la smania ed il potere di vagare; il deserto, la foresta, la caverna, la schiuma dei
marosi, erano compagni per lui; essi parlavano una comune favella, più chiara
di quella dei libri della sua lingua patria, che egli spesso soleva abbandonare
per le pagine della Natura rispecchiate sul lago dai raggi del sole. [...]

XV

Ma tra le dimore degli uomini egli divenne un essere irrequieto e consunto e
torvo e tedioso, e languiva come un falcone nato libero che abbia le ali tarpate,
e pel quale soltanto l'aria sconfinata sarebbe una dimora: allora gli ritornò
l'accesso, per superare il quale, come l'uccello rinchiuso bramosamente suole
battere il petto ed il becco contro i fili della ferrea gabbia finchè il sangue gli
chiazza le piume, così l'ardore della sua anima imprigionata voleva rodersi il
cammino attraverso il suo petto.

XVI

Aroldo, esule volontario, va di nuovo ramingo, senza più speranza alcuna, ma
con minore tristezza; la stessa conoscenza del fatto che egli viveva in vano, che
tutto era finito al di qua della tomba, aveva fatto sì che la Disperazione assu-
messe un sorridente aspetto, che benchè fosse folle - come quando sulla sac-
cheggiata nave naufragante i marinari follemente vorrebbero andare incontro
al Destino con smodate libazioni sul ponte che sta per affondare - pure ispirava
un'allegria che egli si tratteneva dal frenare.

_________________
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
(galleria foto)
Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!

Solo gli utenti registrati possono vedere i link!
Registrati o Entra nel forum!
Torna in cima
Profilo Messaggio privato Invia email
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo Topic   Rispondi    Indice del forum -> Literature 5^ : traduzioni e riassunti Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi Topic in questo forum
Non puoi rispondere ai Topic in questo forum
Non puoi modificare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi cancellare i tuoi messaggi in questo forum
Non puoi votare nei sondaggi in questo forum
Non puoi allegare files in questo forum
Non puoi downloadare files da questo forum





english for fun topic RSS feed 
Powered by MasterTopForum.com with phpBB © 2003 - 2008